Greenway e spazi naturalistici «Sboccia» l’Oasi del Pescatore

L’itinerario ciclopedonale sarà ammodernato e prolungato Lungo il Naviglio nasceranno spazi per i pic nic e zone di relax Il  bitumificio tra Buffalora e Rezzato verso il capolinea
L’itinerario ciclopedonale sarà ammodernato e prolungato Lungo il Naviglio nasceranno spazi per i pic nic e zone di relax Il bitumificio tra Buffalora e Rezzato verso il capolinea

Dopo una gestazione complessa legata all’emergenza Covid sta per «sbocciare» a Mazzano l’Oasi del Pescatore. Il principale lotto di lavori per un importo di spesa stimato in 128 mila euro è stato affidato nei giorni scorsi a un’impresa bresciana incaricata di plasmare l’area naturalistica secondo i dettami del progetto varato dall’Amministrazione comunale. L’operazione prevede la costruzione di un tratto di pista ciclopedonale, alternata da aree verdi con arredo urbano che si sviluppa su una fascia di terreno in direzione est-ovest, lungo la sponda del Naviglio. Sempre in questo lotto è previsto l’allestimento del collegamento tra la sponda destra e sinistra del corso d’acqua attraverso un ponte che si raccorderà al percorso ciclopedonale. In futuro, invece, è prevista la fase conclusiva del progetto che consiste nella formazione di un laghetto artificiale ad uso ricreativo, alimentato dalle acque del Naviglio, inserito in un parco caratterizzato da percorsi pedonali, spazi pic-nic, giochi e macchie di alberi per zone relax. L’OASI DEL PESCATORE che si estende su un’area di circa 6.260 metri quadri, si inserisce in un piano di ampio respiro che punta ad allestire una rete di itinerari naturalistici da percorrere in bici o a piedi lungo la sponda destra al canale artificiale. L’attuale pista ciclabile che fa parte del network provinciale della dorsale Brescia-Salò, non ha un grande appeal tra gli escursionisti e spesso crea interferenze sulle attività di pesca sportiva che si svolgono in quel tratto di Naviglio. Il nuovo tracciato innalzerà anche la sicurezza e offrirà scorci di paesaggio decisamente più affascinanti alle persone che lo percorreranno. L’Oasi del Pescatore è un’idea che si trascina negli anni. Una riqualificazione dell’intera area inserita nel programma elettorale dell’Amministrazione civica guidata dal sindaco Fabio Zotti. In realtà l’operazione è a tutti gli effetti un restyling in chiave moderna di una nicchia naturalistica già esistente a nord del Naviglio. L’iter del progetto si è sbloccato grazie alla generosità e dell’Istituto Diocesano per il Sostentamento del clero che ha ceduto gratuitamente al Comune le aree coinvolte dai lavori. L’ACCORDO sottoscritto tra le parti prevede il versamento di 4 mila euro (una cifra simbolica), più mille euro da erogare al conduttore del terreno. E a questo punto, con l’ok da parte della Diocesi alla cessione gratuita dei terreni, è stata spianata la strada per la nascita dell’Oasi del Pescatore che dovrebbe vedere la luce prima dell’estate. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Valerio Morabito