CHIUDI
CHIUDI

22.09.2020

Alpeggi con il marchio Doc Una risorsa anche turistica

SosAlp è il nome del progetto sperimentale, avviato alcuni mesi fa dal Parco dell’Adamello mirato ad una gestione sostenibile dei pascoli alpini nel territorio dell’area protetta. Giovanni Ducoli, titolare della malga Blumone di Sotto, Mauro Giacomelli di Cadino Dossi-Camprasso e Martino Furloni di Gavero, che operano nel comprensorio di pascolo di Crocedomini, sono stati scelti come titolari di strutture pilota al fine, come sostiene l’assessore al Parco Massimo Maugeri, «di approfondire la conoscenza di ciò che mangiano effettivamente gli animali al pascolo, studiando gli elementi vegetazionali e floristici, al fine di migliorarne l’alimentazione e la conservazione delle praterie. Il tutto attraverso l’integrazione fra le pratiche sul campo e la ricerca scientifica». Questo procedimento è stato messo alla prova introducendo un innovativo sistema di Gps di monitoraggio delle bovine: vengono così forniti i dati del loro posizionamento e pure altri parametri di gestione ed a Maugeri piace far rilevare importanti positività: «Alcuni studi scientifici mostrano il legame tra la ricchezza e la diversità dell’erba mangiata e la qualità dei prodotti che si ricavano dal latte. Non è un caso che proprio dai pascoli meridionali del Parco dell’Adamello si producano eccellenze come il formaggio Silter Dop ed il Bré. Patrimoni dell’enogastronomia camuna, anche in virtù delle loro qualità organolettiche ed aromatiche». Da qui l’avvio del progetto che valorizzando le attività nel Parco, in ultima analisi motiva gli alpeggiatori ad un uso corretto dei pascoli con conseguente miglioramento dei prodotti, facendoli protagonisti anche di opportunità turistiche. Il Parco li affiancherà proprio in vista dello sfruttamento di queste potenzialità. «È mia intenzione creare un disciplinare di gestione delle strutture in quota e più in generale dei luoghi turistici nel Parco. Gli operatori che lo rispetteranno potranno fregiarsi del marchio di qualità del Parco dell’Adamello». •

L.RAN.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1