CHIUDI
CHIUDI

26.05.2020

Sant’Antonio spezza l’isolamento grazie a una galleria paramassi

Prosegue la  messa in sicurezza della strada per Sant’Antonio
Prosegue la messa in sicurezza della strada per Sant’Antonio

Nel cantiere riaperto da pochi giorni a Corteno Golgi procedono speditamente i lavori per la realizzazione di un breve tratto di galleria paramassi lungo la strada comunale che conduce al piccolo borgo di Sant’Antonio posto all’imbocco della riserva regionale delle Valli Brandet e Campovecchio. DOPO AVER RIPULITO, la scorsa estate, il versante e posizionato delle reti metalliche per fermare eventuali distacchi di materiale roccioso e dopo la forzata pausa causata dalla lunga quarantena per il contenimento del coronavirus, gli operai dell’impresa Bettineschi di Colere hanno ricominciato a realizzare la palificazione che sosterrà le fondazioni del manufatto. Con una perforatrice vengono effettuati dei fori in profondità nel terreno all’interno dei quali poi viene pompato del calcestruzzo ad alta resistenza. Ancora qualche giorno e potrà partire la posa dei casseri di fondazione e se non si verificheranno intoppi il cronoprogramma, ridefinito dai tecnici dopo i due mesi abbondanti di chiusura, prevede la conclusione della galleria entro la fine dell’estate. I problemi in questa zona iniziarono ai primi di gennaio del 2016, quando durante la notte una grande porzione dello sperone roccioso al culmine del ripido versante sovrastante la strada si staccò e precipitò sull’asfalto. LA DECINA DI RESIDENTI nel paesino rimasero alcuni giorni isolati e successivamente furono costretti a trasferirsi per alcuni mesi da parenti e in alloggi messi a disposizione dall’amministrazione comunale. Poterono rientrare alle loro case all’inizio dell’estate quando fu completata l’installazione di due strutture prefabbricate che permettono tuttora ai veicoli e ai pedoni di aggirare il punto in cui si abbatté la frana e dove sono in corso le opere. Per un cantiere che si avvia alla conclusione, un altro, sempre in territorio di Corteno, è fermo al palo da mesi. Si tratta dell’intervento sulla statale dell’Aprica, nella zona del bivio di via Fontanella, che prevede l’allargamento della carreggiata, la messa in sicurezza di un lungo tratto a monte di parete a strapiombo e il nuovo ingresso al capoluogo scendendo da Aprica utilizzando il vecchio dismesso allorquando venne ultimata la galleria in variante all’abitato. RISOLTO IL PROBLEMA delle rocce contenenti tracce di arsenopirite che ha bloccato i lavori per mesi (la discarica è stata reperita a poca distanza), da quasi un anno l’impresa vincitrice dell’appalto con un ribasso abnorme del 37 per cento ha fatto perdere le sue tracce e perciò a questo punto l’Anas dovrà varare un nuovo bando di gara per riassegnare i lavori. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lino Febbrari
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1