CHIUDI
CHIUDI

02.03.2020 Tags: Valsabbia

Serle e la biodiversità Le pozze dell’Altopiano aspettano tanti inquilini

La pozza Meder come appariva dopo l’inquinamento
La pozza Meder come appariva dopo l’inquinamento

Purtroppo era finita sulla ribalta - restandoci a lungo - per una storia di tentata distruzione e non di conservazione, ma c’è anche un’altra, importante «stazione» bresciana per la salvaguardia degli anfibi; in questo caso, inoltre, per un numero di specie ancora maggiore. SI TRATTA delle antiche pozze di abbeverata di Serle; degli stagni dell’Altopiano di Cariadeghe ripristinati negli anni scorsi (in più di un caso si erano prosciugati) moltiplicando così le occasioni per la biodiversità locale. La pozza più famosa, la «Meder», era purtroppo diventata tale per lo scarico doloso di decine di chili di olio lubrificante esausto che aveva rischiato di ucciderla, e per l’imponente operazione di salvataggio di migliaia di anfibi che aveva visto all’opera Comune, Gev e volontari. Ma non è la sola, e anche a Serle nei prossimi giorni è attesa la posa di un sistema di barriere mobili che, qui come altrove, servirà a canalizzare rospi comuni, rane dalmatine e tritoni verso gli stagni evitando il passaggio sulle strade del territorio.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1