CHIUDI
CHIUDI

06.02.2019

Ennesimo inquinamento da liquami nella Bassa

Il podere al confine di Novagli teatro dello spandimento abusivo
Il podere al confine di Novagli teatro dello spandimento abusivo

Il territorio della Bassa resta al centro di gravi fenomeni di inquinamento. Dopo i recenti casi a Dello e Bagnolo Mella (entrambi scoperti dalle guardie volontarie della Provincia e dell’Arci caccia), stavolta lo smaltimento abusivo è stato portato alla luce a Montichiari. Nella zona tra i Novagli e i Trivellini alcuni residenti del posto, infastiditi dalla forte puzza, hanno segnalato alle autorità competenti uno smaltimento illecito di liquami sui terreni agricoli. L'ennesimo caso di impaludamento del terreno, tra l'altro, è stato effettuato nella giornata di lunedì, ovvero durante il periodo di divieto temporaneo stabilito dal calendario dell'Ersaf, l'Ente regionale per i servizi all'agricoltura e alle foreste. I liquami zootecnici sono stati sversati su un'ampia area che confina con una stradina secondaria, la quale collega i Trivellini ai Novagli. Lo spandimento, che ha lasciato qualche traccia anche nel pomeriggio di ieri sul campo, si è riversato in parte in alcune canalette utilizzate per l'irrigazione. Considerando che sono trascorse più di 48 ore dallo spandimento illegale sarà difficile per le autorità risalire ai responsabili. •

V.MOR.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1