CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

12.09.2017

La falsa infermiera
era una vera ladra:
ammalato derubato

Ladra in azione a Montichiari
Ladra in azione a Montichiari

Ha approfittato della fragilità psicofisica di un ammalato per mettere a segno un furto con destrezza dai risvolti odiosi. Fingendosi un’infermiera ha convinto un 50enne di Montichiari che il giorno prima si era sottoposto all’ospedale a un esame diagnostico, a farsi misurare le frequenze cardiache per strada: durante l’operazione lo ha derubato di catenina e braccialetto d’oro e del portafogli. Il fatto che la responsabile del furto fosse a conoscenza della patologia vascolare dell’artigiano, lascia presupporre che avesse nel mirino la vittima da tempo. Una circostanza che aggiunge inquietudine a indignazione. L’episodio è accaduto in viale Europa a Montichiari: il 50enne è stato avvicinato da una persona sui 40 anni, lunghi capelli neri, che con piglio professionale ed energico si è informata sulle sue condizioni di salute. Sapeva fra l’altro che l’artigiano avrebbe dovuto sottoporsi a un intervento chirurgico fra pochi giorni. «La vedo un po’ affaticato e io sono un’infermiera: posso controllare se ha problemi di circolazione?», ha chiesto la ladra al 50enne che in preda a una comprensibile apprensione, non si è opposto. A quel punto la falsa infermiera gli ha controllato la giugulare ed il battito del polso, approffittando per soffiare alla vittima braccialetto, catenina d’oro e il portafoglio che custodiva 200 euro. Poi la ladra, che forse era spalleggiata da un complice che seguiva la scena a distanza, si è congedata con un amorevole «va tutto bene, ma si riguardi». Poco dopo l’artigiano si è accorto del furto rivolgendosi ai carabinieri per la denuncia.V.MOR.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1