CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

03.03.2018

Uccide un’anziana al volante di un’auto rubata a Trenzano

La Bmw rubata a Trenzano
La Bmw rubata a Trenzano

Un morto e un ferito grave. È questo il drammatico bilancio del pauroso incidente avvenuto nella tarda serata di giovedì in provincia di Milano, lungo la Sp 28, all’altezza di Lacchiarella. A provocarlo una Bmw di colore nero risultata poi rubata in provincia di Brescia, per l’esattezza a Trenzano. LO SCHIANTO una decina di minuti dopo le 20.30. Quando, secondo una prima ricostruzione fatta dai carabinieri di Abbiategrasso, un Suv Nissan Juke con a bordo due donne, madre e figlia di 73 e 45 anni, ha travolto la Bmw rubata, che avrebbe invaso la corsia innestandosi da una via laterale a sinistra. L’ipotesi degli investigatori è che la vettura abbia perso aderenza frenando sulla strada ghiacciata. L’impatto è stato terribile: la Nissan ha centrato la fiancata destra della Bmw nera facendo rientrare la portiera del passeggero anteriore fino al freno a mano. L’auto è quindi caduta in un terrapieno e l’uomo alla guida è scappato a piedi nella neve. È ricercato per omicidio stradale e omissione di soccorso. Nulla da fare per la 73enne che era alla guida della Nissan: inutili i soccorsi (quattro le ambulanze arrivate nel giro di pochi minuti), l’anziana è praticamente morta sul colpo. Disposta l’autopsia. In gravi condizioni ma stabile invece la figlia 45enne. È stata operata nella notte ed è ricoverata in prognosi riservata all’ospedale San Carlo: i medici sono ottimisti, non dovrebbe essere in pericolo di vita (ma la prognosi non è ancora stata sciolta). Proseguono le ricerche del pirata della strada. Al vaglio anche le immagini delle telecamere di videosorveglianza attive in zona. L’unica certezza è che a bordo della Bmw nera c’era soltanto una persona: un eventuale passeggero, alla luce della dinamica, non avrebbe avuto scampo. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1