CHIUDI
CHIUDI

14.03.2019

Acqua dell’Adige nel lago: il «rabbocco» è indigesto

La galleria Adige-Garda
La galleria Adige-Garda

Stavolta niente «marea nera» come nello scorso ottobre, nè gravi timori di inquinamento: lo scolmatore Adige-Garda tra Mori e Torbole è stato sì aperto, ma solo per un’attività di quattro giorni per la manutenzione degli impianti. Che comunque qualche malumore lo ha creato. «Un’operazione programmata - spiega il segretario generale della Comunità del Garda, Pierlucio Ceresa -: manutenzione obbligatoria, che già domani pomeriggio verrà completata. MA quattro giornate di aperture ci sembrano troppe». Si è trattato in sostanza di manovre ampiamente previste da lunedì 1 marzo con le prime prove di apertura, che avevano comportato il divieto di navigazione nel raggio di 200 metri dalla foce a Torbole Nago. «Questa volta - continua Ceresa - la galleria è stata aperta ad intermittenza per un massimo di 4 ore al giorno al fine di effettuare prove di scarico, taratura e tenuta con una portata massima di 50 metri cubi al secondo». Modeste le quantità di acqua rilasciate, miste a limo e sabbia. Nulla a che vedere con i circa 14 milioni di metri cubi scaricati dall’Adige nel Garda all’altezza di Torbole, in circa 17 ore, fra la notte e il tardo di martedì 30 ottobre. «Nonostante tutto rientri nella normalità - chiarisce il segretario generale della Comunità del Garda - consideriamo eccessivi quattro giorni di apertura, anche se limitata a finestre temporali. Ribadiamo la richiesta di essere interpellati in qualità di ente che rappresenta i Comuni rivieraschi in merito a qualsiasi manovra della galleria Mori-Torbole, perché la tutela delle acque del Garda deve essere prioritaria». La decisione di versare le acque dell’Adige nel Garda è figlia di un protocollo ormai datato 2002, che andrebbe certamente rivisto. Tiene bene comunque la situazione dei livelli del lago: il Garda a differenza degli altri laghi lombardi è l’unico a «reggere» in tempi di siccità, con i suoi 123 cm sopra lo zero idrometrico di Peschiera, ben 46 cm in più dello scorso anno alla stessa data. •

L.SCA.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1