CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

11.10.2017

Auto bruciata
Il proprietario
denuncia
l’atto doloso

L’auto incenerita dalle fiamme
L’auto incenerita dalle fiamme

Un’auto incenerita nel parcheggio dell’abitazione, un appartamento a rischio agibilità e il sonno degli inquilini bruscamente interrotto. È il bilancio dell’incendio divampato l’altra notte dalla vettura parcheggiata sotto la palazzina popolare di proprietà dell’Aler al civico 40 di via Sant’Andrea, tra le frazioni di Premiano e Mosniga a Lumezzane. L’allarme è scattato poco prima delle 2,30 quando i residenti sono stati svegliati da un odore acre e dal crepitio delle fiamme.

A BRUCIARE una Lancia Y 10 parcheggiata negli spazi comuni al piano terra del complesso, è rimasta solo la carcassa. La richiesta di aiuto ha fatto giungere sul posto i Vigili del fuoco locali con un’ambulanza. Sette inquilini, tra i 20 ed i 73 anni, sono stati fatti uscire dalle abitazioni e visitati dai sanitari. Nessuno è rimasto ferito, a parte una lieve intossicazione tale però da non rendere necessario il soccorso in ospedale; dopo lo spegnimento dell’incendio sono potuti rientrare nelle loro case.

Un appartamento al primo piano e più vicino all’area colpita dalle fiamme, per fortuna in quel momento vuoto, è stato sequestrato dai carabinieri di Gardone per verifiche sull’agibilità. Ieri con l’inquilino rientrato è stato sottoposto ai controlli dall’ufficio tecnico comunale. Nelle ore successive alla messa in sicurezza è iniziata la ricerca delle cause per l’incendio partito dall’auto. Si valuta ogni pista, anche quella dolosa, ma non sono stati trovati inneschi o altri materiali sospetti. Comunque il proprietario ha denunciato ai carabinieri l’episodio ritenendolo un dispetto di qualcuno, portando così al sequestro della vettura.F.Z.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1