CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

12.09.2018

Brusco risveglio per il pusher

La droga sequestrata dai carabinieri a Collio
La droga sequestrata dai carabinieri a Collio

Colpo grosso dei carabinieri che hanno sequestrato 16 chilogrammi di hashish e 250 grammi di cocaina. L’operazione antidroga è stata condotta in porto dai militari del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Brescia che hanno arrestato l’altra sera un cittadino marocchino di 42 anni, disoccupato, conosciuto dalle forze dell’ordine sempre per vicende legate alla droga. I militari della compagnia impegnati in un controllo della ciroclazione stradale hanno fermato l’immigrato alla guida di un auto. Alle domande della pattuglia è apparso agitato, fornendo anche un indirizzo di residenza diverso da quello ufficiale. Ai carabinieri ha raccontato di abitare a San Polo di Brescia, ma gli accertamenti al terminale hanno smontana rapidamente la bugia: il marocchino risultava infatti residente a Collio. A quel punto alle forze dell’ordine è stato chiaro che l’immigrato aveva qualcosa da nascondere. Nel senso letterale del termine proprio, visto che in seguito alla perquisizione dell’abitazione di Collio è spuntata la droga, un vero e proprio deposito di stupefacente, peraltro mal nascosto dietro un armadio nella camera da letto. Sono così spuntati circa 16 kg di hashish in panetti e, nel cassetto di un comodino, circa 250 grammi di cocaina, in gran parte suddivisa in dosi pronte all’immissione sul mercato dello spaccio. Sono scattate le manette ai polsi del marocchino. Dopo una notte trascorsa in camera di sicurezza, è stato giudicato ieri mattina in tribunale con rito direttissimo nel corso del quale è stato convalidato l’arresto e disposta la detenzione nel carcere cittadino «Nerio Fischione». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1