CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

17.02.2018

Il Gobbia si colora di verde La colpa è di un tracciante

L’acqua del Gobbia ieri pomeriggio poco a nord di Sarezzo
L’acqua del Gobbia ieri pomeriggio poco a nord di Sarezzo

L’ennesimo cambio di tonalità del Gobbia, il torrente de Lumezzane scende verso Sarezzo per tuffarsi nel Mella, ieri ha nuovamente attirato l’attenzione dei tanti, amministratori e residenti, che da anni sono sul chi va là per i continui sversamenti. La segnalazione è partita nel tardo pomeriggio da alcuni abitanti di Sarezzo, ma stavolta non c’è da preoccuparsi. «È solo un tracciante proveniente dalle Acciaierie Venete», ha subito spiegato l’assessore all’Ambiente Roberto Chindamo, dopo aver contattano l’Arpa. Insomma, il colorante, almeno in questo caso, non è un inquinante ma solo un modo per tracciare gli scarichi fognari durante alcuni interventi di controllo e monitoraggio dei reflui. L’allarme su Facebook è presto rientrato in seguito alle spiegazioni dei ben informati, che ricordavano episodi simili avvenuti in passato e riconducibili alle attività svolte da Arpa a nord della Valgobbia per verificare i percorsi degli scarichi fognari. Nonostante questo, l’accaduto ha risollevato la questione di un torrente che negli ultimi anni, nonostante una salute in miglioramento, è stato pià volte vittima di sversamenti. •

E.BEN.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1