CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

16.05.2018

Servizi e assistenza nella casa di riposo: nessuna irregolarità

Il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso presentato dal consorzio cooperative Kursana e ha annullato la sentenza del Tar di Brescia, che si era invece pronunciato a favore della richiesta di annullamento della gara per l’affidamento dei servizi socioassistenziali nella casa di riposo «Madre Teresa di Calcutta» di Sarezzo. A presentare il primo dei due ricorsi era stata la cooperativa Eurotrend Assistenza, condannata dal Consiglio di Stato al pagamento delle spese processuali (3.000 euro). Il Comune di Sarezzo si era costituito in giudizio aderendo alle tesi del consorzio Kursana, primo vincitore della gara e che da aprile 2017 si occupa della gestione di tutti i servizi, compresa l’assistenza ad personam e il supporto domiciliare. LA VICENDA. Nodo del contendere la commissione aggiudicatrice e le regole da rispettare nel comporla. Regole cambiate dopo il decreto legislativo 50 del 2016, che, tra le altre cose, ha istituito un apposito albo al quale devono essere iscritti i commissari, oltre a disporre che i membri della commissione non debbano «avere svolto né possano svolgere alcun’altra funzione o incarico tecnico o amministrativo relativamente al contratto del cui affidamento si tratta». Da qui la prima sentenza del Tar, che faceva notare come tutti i membri della commissione (composta dal presidente Fabrizio Veronesi, responsabile dell’Area Gestione Territorio della Comunità Montana, Giuseppe Ronchi, già responsabile dell’Area dei Servizi alla Persona del Comune di Sarezzo e Sara Peli) «avrebbero ricoperto incarichi o svolto funzioni relativi al contratto di cui si tratta». Il Consiglio di Stato si è invece espresso in maniera diversa, precisando che sussistendo al momento dell’indizione della gara le condizioni di regime transitorio di applicazione del codice, non è stata commessa nessuna irregolarità da parte del Comune di Sarezzo e della Centrale Unica di Committenza della Comunità Montana della Valtrompia. Il bando quindi non sarà riaperto, come ventilato in un primo momento dal sindaco Toscani. •

M.BEN.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1