LIBRIXIA TORNA IN FAMIGLIA

di Giada Ferrari
Notevole anche quando infuria il maltempo l’affluenza a Librixia ONLY CREWLa partecipazione dimostra che l’attenzione per la lettura resiste ONLY CREW
Notevole anche quando infuria il maltempo l’affluenza a Librixia ONLY CREWLa partecipazione dimostra che l’attenzione per la lettura resiste ONLY CREW
Notevole anche quando infuria il maltempo l’affluenza a Librixia ONLY CREWLa partecipazione dimostra che l’attenzione per la lettura resiste ONLY CREW
Notevole anche quando infuria il maltempo l’affluenza a Librixia ONLY CREWLa partecipazione dimostra che l’attenzione per la lettura resiste ONLY CREW

Sulla scia dei complicati legami famigliari di Angelo Mellone prende il via la settima giornata di Librixia, fiera promossa da Confartigianato Imprese Brescia e dal Comune di Brescia. Si torna, per i lettori Senior, a parlare di famiglia ed in particolare di educazione con Paolo Crepet che, proprio nel pieno di una catastrofe educativa, si impone come voce critica, anche scomoda, atta ad invertire la rotta per il bene dei giovani. Taglio sociale anche per Maura Gancitano che, attraverso il mito, rompe la gabbia dei rigidi ed asfissianti canoni estetici moderni, distruggendo quell’illusione che impedisce di seguire i propri desideri e di vivere liberamente i propri corpi. Introspettivo e legato all’accettazione delle umane contraddizioni l’esordio di Silvia Bottani che profila un’afosa Milano centro dell’intreccio di tre vite, sconosciuti che si troveranno a fare i conti con gli aspetti più oscuri di sé e con le conseguenze dei loro gesti. Si passa poi allo sguardo politico e critico di Claudio Cerasa alle prese con un’inchiesta sulle catene che impediscono alle destre nazionaliste e sovraniste di liberarsi dei loro vizi, dei loro estremismi e dei fantasmi del passato. Occhi verso est per Luigi Sepe che ricostruisce l’ultimo decennio della relazione Usa-Urss in una prospettiva storico-politica globale. Supersocietà al centro dell’indagine di Mauro Magatti che prova ad immaginare che forma prenderà il prossimo futuro. Storia della musica pop e dei cambiamenti radicali che hanno sconvolto il settore musicale negli anni ’80 sono il terreno di Luca De Gennaro. Ma ancora dalla musica ci si sposta al mondo del cinema con Lorenzo Rossi che esplora le unicità di Michael Haneke, uno dei registi contemporanei che da più tempo riflette sulla recente storia dell’Europa. Fotografia d’arte invece al cimitero Vantiniano con Valter Muchetti, Associazione Capitolium e Stefano Riviera. Infine Marcello Fois racconta la storia un’incessante lotta con il linguaggio. Ricca anche la rassegna Junior che si apre in musica con Marco Garda e un workshop, per i ragazzi dai 15 anni in su, dedicato all’evoluzione del ruolo del dj hip hop. Doppio spettacolo teatrale (4-10 anni) promosso da Delle Ali Teatro. Nel primo un attore racconta, nella nuvola di fumo della sua pipa, una leggenda degli indios dell’Amazzonia che narra della creazione dei colori del mondo. Nel secondo, dall’opera di Roald Dahl «gli sportelli», si cerca di rompere la «distanza di sicurezza» tra musica e parola cantata tramite differenti piani espressivi: teatro, musica e pittura. Viaggio alla scoperta della Brescia romana, invece, con Mirka Pernis e Chiara Gafforini che propongono una guida e l’invito a passeggiare per le vie del centro storico e a riconoscere, con un percorso in 5 tappe, l’antica Brixia tra le case e le strade della città di oggi.•. © RIPRODUZIONE RISERVATA