Storie di demoni, ninfe e mostre in dialogo con l’arte ed il Garda

La mostra è aperta fino al 29
La mostra è aperta fino al 29
La mostra è aperta fino al 29
La mostra è aperta fino al 29

«Di demoni, mostri, ninfe e altre storie. Artisti contemporanei a Palazzo» è la mostra, aperta fino al 29 gennaio a Cisano di San Felice del Benaco, nell’antico Palazzo Cominelli, in via Padre Francesco Santabona. Curata da Anna Lisa Ghirardi, con la collaborazione di Valentina Pedrali, presenta opere di undici artisti: Nicola Biondani, Stefano Bombardieri, Roberto Ciroli, Nicola Console, Vanni Cuoghi, Antonella Gandini, Armida Gandini, Ilaria Gasparroni, Cecilia Guastaroba, Francesco Levi e Stefano Mazzanti. A loro il compito di rileggere e interpretare leggende e i racconti del territorio benacense, trasformando il palazzo con sculture, disegni, fotografie, installazioni e video in un luogo di magia così che ogni ambiente della casa sia occupato da una presenza, antica e nuova. L’idea è scaturita da un bisogno di meraviglia, «di tornare alle cose semplici, ma magiche, che da bambini ci venivano raccontate, e che altre società, meno affaccendate, condividono ancora davanti a un fuoco, a un tavolo o sotto una tenda - spiega la curatrice -. Ma la nostra intenzione non era solo ascoltare antichi racconti, per questo sarebbe bastato un racconta-storie, ma leggerli, riflettere, interpretarli e congiungere il passato al presente. Da qui il coinvolgimento degli artisti». Luogo ideale è parso allora la casa di un poeta, Raffaele Cominelli, e il lago di Garda, sul quale il Palazzo si affaccia, un meraviglioso scorcio, sfondo dei racconti, a mescolare storia e immaginario, natura e artificio, sacro e profano. Tra i protagonisti della mostra demoni e mostri, draghi, coccodrilli, il mostro del lago, ninfe misteriose, una regina e un arcano cacciatore. Gli artisti sono stati impegnati in laboratori didattici e in un progetto di inclusività, con il patrocinio di «Fondo Silvestro e Margherita Niboli». Proposta dall’associazione «Equilibri Avanzati», in collaborazione con il Comune di San Felice e la Fondazione Raffaele Cominelli, la mostra si può visitare il sabato e la domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 14.30 alle17.30. L’ingresso è libero. •. Mi.Mo.