VIRUS E STRATEGIE

Liberismo inglese e rischi calcolati

Nella lunga partita con la pandemia, Boris Johnson prova a fare scacco al Covid: liberi tutti, anche dalle mascherine e dai distanziamenti sociali. Rispetto agli altri Paesi europei, la Gran Bretagna cavalca la sua Brexit rompendo gli indugi. Con l’81 per cento dei cittadini vaccinati, il premier tenta la strada dell’immunità di gregge, decretando la fine di ogni restrizione. Scelta avveduta o avventata? Gli esperti si dividono. Certo è che, nonostante i 30 mila contagi al giorno, ricoveri e decessi non hanno subìto impennate. Tutto grazie ai vaccini, che ora Johnson vuole estendere ai dodicenni. Eppure, con la ripresa scolastica e il pieno ritorno autunnale al lavoro e al trasporto, snobbare i rischi dell’epidemia, quasi sfidarla come se già fosse sconfitta, può rivelarsi un azzardo. Ecco perché il modello- Johnson, che pure è basato sull’importanza decisiva del vaccino, non attecchisce altrove. Al liberismo politico-sanitario di Boris si contrappone la strategia del «rischio calcolato» di Draghi e altri leader europei all’insegna del rigore e della prudenza: vaccinare al più presto il maggior numero di persone. E riprendersi la libertà nella tranquillità che il certificato verde può assicurare.

Federico Guiglia

Suggerimenti