IL LIVE

Gianna Nannini torna a Brescia: «Che voglia di abbracciarvi!»

di Claudio Andrizzi
Appuntamento questa sera al Dis_Play con lo show che originariamente avrebbe dovuto tenersi a novembre 2021 ma slittò per la pandemia
Gianna Nannini non si ferma mai: la cantante originaria di Siena ha 68 anni
Gianna Nannini non si ferma mai: la cantante originaria di Siena ha 68 anni
Gianna Nannini non si ferma mai: la cantante originaria di Siena ha 68 anni
Gianna Nannini non si ferma mai: la cantante originaria di Siena ha 68 anni

Brescia ritrova Gianna Nannini dopo un anno di attesa: appuntamento questa sera al Dis_Play con la rockwoman senese, finalmente pronta a recuperare uno show che originariamente avrebbe dovuto tenersi a novembre 2021, ma che alla fine è rimasto bloccato a causa di ritardi nella preparazione dovuti ovviamente all’emergenza Covid. L’inizio in via Caprera è alle 21 con gli ultimi biglietti disponibili anche in cassa: «Questa è davvero la volta buona – afferma l’inossidabile Gianna, classe 1954 -. Sono certa che la pazienza del pubblico sarà ricompensata con uno show davvero memorabile: non vedo l’ora». Al pubblico bresciano l’artista promette un live a tutto gas, senza risparmio di energie. «Ho costruito un set molto forte e di grande impatto: “America”, “Sei nell’anima”, “L’aria sta finendo” e tanti altri brani, per farvi cantare e trasmettere nuova gioia. Nella scaletta ho inserito anche “Suicidio d’amore”, ma soprattutto farò quello che mi viene in mente, prenderò la chitarra acustica in mano e improvviserò, creando contrasti. Ho voglia di abbracciarvi con la mia voce e anche se saremo in teatro non voglio che stiate fermi!. Vi aspetto con il cuore acceso”.

«Sul palco con me musicisti straordinari: sono tutti dei mostri e io la scheggia impazzita»

e Ad accompagnarla dal vivo una full band composta da Davide Tagliapietra (direzione musicale e chitarre), Christian Rigano alle tastiere, Milton McDonald alle chitarre, Francis Hylton alla batteria e Isabella Casucci ai cori: «Musicisti straordinari che mi trasmettono una voglia folle di continuare a suonare: loro sono tutti dei mostri, e io sono la scheggia impazzita. Stare sul palco con questo gruppo è un vero e proprio godimento, e questi ultimi concerti saranno ancora più forti perché siamo sempre più affiatati». Non potranno mancare le canzoni dell’ultimo album «La differenza», pubblicato a novembre 2019 in concomitanza con le celebrazioni del trentesimo anniversario della caduta del muro di Berlino: «Dopo la caduta di quel muro ne sono purtroppo nati molti altri, soprattutto mentali, che ho cercato di abbattere con le canzoni di questo disco, che ho voluto registrare a Nashville perché è lì che nasce il sound del futuro – ha detto Gianna -. Il messaggio è che ognuno deve esprimere la propria differenza: questo è il bello».

Tra i successi recenti il Premio Tenco nel 2019, a breve un nuovo album

Il 2019 ha portato la Nannini anche la conquista del Premio Tenco, sorta di consacrazione ufficiale per una cantautrice emersa proprio grazie alla storica manifestazione sanremese; e anche il 2022 della rockwoman toscana è del resto cominciato sotto il segno del successo proprio con questo tour teatrale: «Dopo le restrizioni che hanno impedito ai musicisti di stare insieme sul palco – ha detto -. Per me è stato un motivo di grande felicità riportare in tour il mio gruppo. Con loro è come fare la storia della musica italiana la facciamo in diretta!». Negli ultimi mesi Gianna è tornata anche all’estero con i concerti di aprile a Londra, Lussemburgo, Parigi e Bruxelles, per non parlare delle dieci date in Germania in due settimane: «Il futuro? Sto già lavorando al nuovo album – dice lei -. Mi sento sempre all’inizio di una nuova strada: forse perché sono curiosa di ciò che può accadere nell’avventura che ti fa percorrere la musica».•.