CHIUDI
CHIUDI

19.01.2020

Canunsèi, ultima tentazione

Si conclude a Castelcovati la rassegna gastronomica dei canunsei
Si conclude a Castelcovati la rassegna gastronomica dei canunsei

Scorpacciata finale a Castelcovati. Si conclude oggi la celebrazione della specialità tutta covatese dei «canunsèi». Il primo piatto, che fa concorrenza ai casoncelli di Barbariga e Longhena, è ormai una stella nel panorama gastronomico bresciano, sempre più apprezzato anche fuori dalla nostra provincia e da tanti ristoratori. Castelcovati chiude con un trend che conferma la crescita costante da 12 anni a questa parte. Circa 10 mila visitatori hanno affollato queste due settimane di rassegna, mangiando oltre 10 quintali di canunsèi consumati. Numeri che confermano azzeccata la formula che abbina il primo piatto con altre specialità, ma anche con tanti eventi al Centro Giovanile Don Bosco (sede ufficiale della rassegna). Da quest’anno, inoltre, il piatto è riconosciuto come Pat, ovvero Prodotto agroalimentare tradizionale. Lo ha deciso il Ministero delle politiche agricole e alimentari. Dunque una promozione ulteriore dopo la Denominazione comunale deliberata dal Consiglio comunale. L’appuntamento di oggi a pranzo e cena, oltre ai canunsèi prevede, a mezzogiorno, anche la seconda edizione della gara «Spiedo di S. Antonio»: asporto alle 12, consumazione al tavolo 12.30. Il gustoso menù del tendone-ristorante dell’oratorio prevede anche canunsèi al salmì, trippa, tagliata con rucola, salamine ai ferri, oss de stomèc, formaggio fuso con polenta, fagioli, patate fritte e torta di pasticceria. Alle 8.30, 9.30, 11 e 18 sono fissate le messe in onore di S. Antonio. L’ex Casa Cadei accoglierà la mostra fotografica sull’India dell’associazione Iride, mentre alle 15 si terrà la processione con la statua di S. Antonio. Alle 21 il teatro parrocchiale accoglierà il festival di S. Antonio, concorso canoro curato da Massimo Coffetti. •

M.MA.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1