CHIUDI
CHIUDI

12.06.2019

Il baby Consiglio incontra i big

Andrea Soregaroli insieme ai ragazzi quinzanesi e Virginia Raggi
Andrea Soregaroli insieme ai ragazzi quinzanesi e Virginia Raggi

Esperienza indimenticabile per gli studenti del Consiglio comunale dei ragazzi di Quinzano d’Oglio, che il 2 Giugno hanno assistito a Roma alla tradizionale parata militare per celebrare la festa della Repubblica. Guidati dal baby sindaco Jacopo Gandaglia, dal primo cittadino Andrea Soregaroli e dall’assessore alla Cultura Pierangela Olini ed accompagnati da due insegnanti e un nutrito gruppo di genitori, i giovani consiglieri, emozionatissimi, hanno seguito la sfilata dal primo palco, in via dei Fori Imperiali, vicino all’Altare della Patria, accanto al Presidente Sergio Mattarella. L’idea del viaggio a Roma era nata all’inizio dell’anno nel corso di una seduta congiunta del consiglio dei ragazzi con il sindaco Soregaroli e la giunta. Tornati in classe gli alunni hanno predisposto la richiesta da inviare al Presidente Mattarella. «Abbiamo accettato la proposta con entusiasmo - confessavano nella lettera - perché molti di noi non hanno ancora avuto l’occasione di un viaggio nella capitale». I ragazzi esprimevano inoltre il desiderio di avere insieme i genitori e gli insegnanti che li hanno aiutati a capire come funziona un comune e ad essere bravi cittadini. Il loro desiderio è stato esaudito. Appena arrivata la risposta da Roma, il parroco don Pietro Minelli si è attivato per trovare l’alloggio, il Comune ha reperito il pullman ed il sabato prima della festa la comitiva quinzanese è partita alla volta della capitale. Nella ricorrenza del 2 Giugno i giovani consiglieri hanno potuto incontrare le massime cariche dello Stato. Oltre al presidente Mattarella hanno conosciuto i presidenti del Senato e della Camera, il presidente del Consiglio, alcuni ministri e la sindaca di Roma Virginia Raggi. •

R.C.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1