Scontro frontale sull’angusta via Un ferito è grave

In via Borgosatollo è intervenuta anche l’eliambulanza di Cremona
In via Borgosatollo è intervenuta anche l’eliambulanza di Cremona

La famigerata strada Borgosatollo, via che collega Ghedi al paese confinante, in molti tratti troppo stretta e troppo trafficata, perciò spesso al centro di polemiche, è stata segnata ieri dall’ennesimo incidente, piuttosto grave. Due automobili che si muovevano in direzioni opposte, alle 13,05, si sono urtate violentemente, poco lontano dal confine della base militare, in uno scontro che ha mandato fuori strada un veicolo e fatto ribaltare l’altro: una Fiat Punto, guidata da D.B., cinquantenne di Leno che percorreva la strada, accompagnato dalla figlia 18enne, in direzione di Borgosatollo e una Panda guidata da A. M. di Borgosatollo, di 52 anni, che viaggiava in senso contrario. Quest’ultimo ha avuto la peggio ed è stato trasportato in eliambulanza all’ospedale di Cremona dove è stato sottoposto immediatamente ad una operazione per lesione degli organi interni, in particolare al fegato. Per ora la prognosi è riservata: per questo è scattato il procedimento penale d’ufficio ed il magistrato ha concordato con la Polizia locale di Ghedi, intervenuta sul posto, coordinata dal comandante Enrico Cavalli, il sequestro dei mezzi. L’automobilista lenese invece, soccorso dalla Croce rossa di Ghedi, è stato trasferito in città, alla Poliambulanza, ma in condizioni non gravi. La dinamica è ancora in fase di ricostruzione, ma è presumibile che la causa dell’incidente sia una invasione di corsia di uno dei conducenti che ha perso il controllo del proprio mezzo, colpendo soprattutto la fiancata dell’altro. La strada è stata chiusa al traffico per circa un’ora per consentire l’intervento dei Vigili del fuoco, poi si è proseguito per circa un’ora mezza con il senso unico alternato. Proprio in questi giorni l’Amministrazione comunale di Ghedi ha destinato un milione e mezzo per l’allargamento della strada dove spesso si incrociano camion per le attività di cava della zona. Capita di frequente che anche a causa della friabilità della banchina i mezzi pesanti che transitano troppo vicini al ciglio della carreggiata finiscano fuori strada. •. M.Mo.

Suggerimenti