CHIUDI
CHIUDI

28.11.2020

Ubriaco vaga sulla carreggiata Travolto e ucciso dal crossover

L’auto ha investito l’immigrato all’altezza di una rotonda lungo la strada tra Coccaglio e Chiari
L’auto ha investito l’immigrato all’altezza di una rotonda lungo la strada tra Coccaglio e Chiari

Mezz’ora prima della tragedia avvenuta attorno alle 22 era stato visto aggirarsi a piedi nei pressi della rotonda di via Cenini a Coccaglio. Faticava a stare in piedi e camminava caracollando. Visibilmente ubriaco aveva cercato di fermare un’auto per farsi dare un passaggio a Chiari dove di solito trovava un giaciglio di fortuna. Camminando ha imboccato via Lumetti, la strada che porta appunto a Chiari. Durante il tragitto ha continuato ad occupare la carreggiate per costringere i pochi automobilisti in transito a causa del lockdown. IN UN PAIO DI CASI, complice la foschia che gravava sulla zona in quel momento ha rischiato di essere travolto. A quel punto qualcuno ha allertato i carabinieri della Compagnia di Chiari. Ma proprio mentre una pattuglia del Nucleo Radiomobile si stava recando sul posto si è consumato il dramma. La sagoma del marocchino senza fissa dimora si è materializzato dal nulla davanti a un Nissan Qashqai : il conducente non ha potuto fare nulla per evitare di travolgerlo. L’impatto è stato devastante: la vittima dopo aver sbattuto sulla parte anteriore del crossover è stata scaraventata sull’asfalto. La persona alla guida della vettura ha subito allertato i soccorsi chiamando la centrale operativa del «112», numero unico dell’emergenza urgenza. In via Lumetti sono confluite in pochi minuti un’auto medicalizzata, un’autolettiga dei volontari di Roccafranca e un’ambulanza di Chiari. Lo spiegamento di forze non è servito a salvare la vita al marocchino: i sanitari si sono prodigati nel tentativo di rianimare l’immigrato ma ogni sforzo è stato inutile. Con ogni probabilità il decesso è avvenuto sul colpo. I rilievi sono stati affidati alla Polizia stradale di Chiari. Il conducente dell’auto è stato condotto in ospedale per essere sottoposto alle analisi per verificare se fosse alla guida sotto l’effetto di alcol o stupefacenti. Si tratta di un atto dovuto, come l’apertura di un fascicolo per omicidio stradale. La dinamica dell’assurda tragedia sembra comunque delineata anche sulla scorta delle testimonianze di altri automobilisti che avevano visto la vittima barcollare al centro della carreggiata nel tentativo di bloccare le auto. Le generalità della persona uccisa dall’investimento non sono state fornite. L’IMMIGRATO non aveva documenti con sè, ma le forze dell’ordine lo hanno riconosciuto perchè più volte era stato visto aggirarsi ubriaco a Chiari e Coccaglio. Privo di una dimora veniva ospitato a turno da qualche amico connazionale. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Simona Duci
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1