Barriera Caffaro
Scatta l'ordinanza
del Ministero

Una veduta dall'alto della Caffaro
Una veduta dall'alto della Caffaro

Il ministero dell'Ambiente annuncia un'ordinanza con cui intima a sei aziende a vario titolo responsabili nell'inquinamento Caffaro di sostenere le spese per il mantenimento della barriera idraulica che consente di evitare lo spandimento degli inquinanti, in vista del trasloco di Caffaro Brescia previsto per il 31 marzo. "In ogni caso - assicura il segretario all'Ambiente  Roberto Morassut - la barriera idraulica non verrà meno. È  previsto nell'accordo di programma sottoscritto dal Ministero nel novembre scorso che ove i privati interrompessero il barrieramento subentrerebbe il Commissario per la bonifica con risorse pubbliche per evitare rischi per l'ambiente e la salute. I costi di tale intervento saranno poi recuperati nei confronti delle aziende responsabili dell'inquinamento dell'area Caffaro".