LA SENTENZA

Brescia, aggredì connazionale con un coltello fuori dal Freccia Rossa: condanna a 10 anni

I rilievi della polizia sulla scalinata teatro dell'aggressione
I rilievi della polizia sulla scalinata teatro dell'aggressione
I rilievi della polizia sulla scalinata teatro dell'aggressione
I rilievi della polizia sulla scalinata teatro dell'aggressione

Nel settembre di un anno fa aveva aggredito, sulla scalinata che da via Folonari porta al Freccia Rossa, un connazionale con un coltello che aveva rubato poco all'interno di un supermercato. Per un 32enne marocchino, pregiudicato e senza fissa dimora, ieri è arrivata la condanna. Dieci anni, sette mesi e 15 giorni di carcere la pena emessa dal gup (il processo si è celebrato con il rito abbreviato) nei confronti dell'uomo, arrestato dalla Mobile pochi giorni dopo l'aggressione. Il 32enne aveva infierito su un connazionale, un 29enne, ferendolo al capo, al collo e ad una mano alla mano e poi era fuggito. La polizia lo aveva individuato qualche giorno dopo in un appartamento di via Villa Glori dove aveva trovato ospitalità. Per lui, accusato di tentato omicidio, furto e lesioni (più una serie di altri reati per episodi commessi anche in carcere) l'accusa aveva chiesto 13 anni di reclusione.