Musica, teatro e cinema per una lunga estate live

Brescia si prepara a vivere un’estate ricca di appuntamenti per ritrovare un clima che manca ormai da troppo tempo a causa della pandemia
Brescia si prepara a vivere un’estate ricca di appuntamenti per ritrovare un clima che manca ormai da troppo tempo a causa della pandemia
Brescia si prepara a vivere un’estate ricca di appuntamenti per ritrovare un clima che manca ormai da troppo tempo a causa della pandemia
Brescia si prepara a vivere un’estate ricca di appuntamenti per ritrovare un clima che manca ormai da troppo tempo a causa della pandemia

Impossibile annoiarsi. Il problema, semmai, sarà l’imbarazzo della scelta. Musica, teatro, cinema, danza, incontri tematici e percorsi corollari dall’1 giugno al 26 settembre scorreranno nel flusso della città «che si rimette in scena», stagliando all’orizzonte un calendario di eventi più che mai eclettico e multiforme: presentato ieri in Loggia, «Brescia d’estate 2021» – progetto del Comune «per promuovere il ritorno a una socialità sicura e gratificante e per valorizzare i tanti soggetti che creano e diffondono cultura nel territorio» - irrompe con un palinsesto «costruito accogliendo e modulando numerose proposte arrivate dagli operatori del settore: enti, associazioni, artisti che nonostante le enormi difficoltà hanno saputo organizzarsi per arrivare pronti a questa stagione di prudente ripresa». Obiettivo: tornare a vivere il piacere e l’emozione di una performance live, con palcoscenici e platee open air strutturate sulla base delle misure anti Covid19. Il calendario si dipanerà in sei spazi urbani «scenograficamente reinventati»: il Castello, i cortili di MoCa, Broletto e della scuola Calini, il chiostro del teatro Mina Mezzadri-Santa Chiara e l’area verde del Museo di Santa Giulia. A cui si aggiungeranno piazza Loggia per alcuni eventi speciali e Campo Marte per il Brescia Summer Music, più il Teatro Romano come location d’eccezione, con proposte sia di Fondazione Teatro Grande, sia del Ctb, realizzate in collaborazione con Fondazione Brescia Musei. Una panoramica dall’alto: Teatro19, Somebody Teatro, Minima teatro, ContaminAzioni, Residenza Idra e le dodici realtà connesse a quest’ultima nella seconda edizione di «Costellazioni», oltre allo stesso Ctb, garantiranno schegge teatrali a go go, trasversali per genere e linea artistica; altrettanto articolata e sfaccettata la rotta musicale - dalla classica al jazz, dal pop alla lirica -, incanalata nelle rassegne di Teatro Grande, Bazzini Consort, Festival Pianistico, Jazz on the Road e Associazione Lampadée, senza dimenticare il ritorno della Festa della Musica, in streaming con propagazioni live, fissato per sabato 19 giugno. Ancora: gli omaggi multidisciplinari di Centopercento teatro, Cieli Vibranti e Associazione In primis saranno dedicati a grandi opere o personaggi della cultura di cui ricorrono gli anniversari (a cominciare dal Sommo Dante), mentre gli artisti de La Strada Festival dispenseranno suggestioni “on the road”. Protagonisti dell’estate saranno anche i musei, tra mostre e attività didattiche curate dalla già citata Brescia Musei, che per il cinema all’aperto dell’Eden ha scelto una nuova location: non più il Castello (epicentro parallelo di WeLoveCastello) ma Santa Giulia. «Dagli enti più strutturati alle associazioni più informali o alle reti estemporanee, sono circa 40 i soggetti che abbiamo coinvolto in questa stagione di spettacoli e attività» hanno osservato la vicesindaco Laura Castelletti e l’assessore Valter Muchetti. «Dopo mesi di inattività era necessario sostenere le realtà operanti sul territorio, ed è per questo che il Comune si è impegnato al loro fianco offrendo i set, fornendo accompagnamento nelle pratiche istruttorie e di gestione anticovid e, quando necessario, un contributo economico: un investimento prezioso, perché destinato alla città e per la città. E che costituisce già un ponte verso il 2023». La partecipazione agli spettacoli sarà su prenotazione, anche ad ingresso gratuito, con accesso contingentato: il programma verrà comunicato strada facendo sul sito del Comune e per riflesso amplificato dai vari canali social delle realtà coinvolte.•.

Elia Zupelli

Suggerimenti