PIAZZA VITTORIA

Brescia, spray urticante spruzzato nei bagni del McDonald’s: è il gesto di un minore

La polizia Locale ha visionato le immagini del sistema di videosorveglianza
L’ingresso del Mc Donald’s di piazza Vittoria
L’ingresso del Mc Donald’s di piazza Vittoria
L’ingresso del Mc Donald’s di piazza Vittoria
L’ingresso del Mc Donald’s di piazza Vittoria

Le indagini sembrano essere a una svolta. Quello spray al peperoncino è arrivato, in quanto a conseguenze e responsabilità, fino al giovane che l’avrebbe spruzzato. È successo tutto nello scorso fine settimana nel McDonald’s di piazza Vittoria. Un giovane, secondo la ricostruzione investigativa, sarebbe entrato in un bagno del fast food per poi spruzzare dello spray urticante. Quindi, la fuga. Un gesto che avrebbe potuto creare seri problemi ai presenti. Fortunatamente non ci sono state conseguenze tra coloro che si trovavano al fast food. Una volta venuta a conoscenza del gesto, la direzione ha immediatamente chiamato i vigili del fuoco che si sono accertati delle condizioni di sicurezza e la polizia Locale, per le indagini. Come sempre capita in questi casi particolare rilevanza è stata data al sistema di videosorveglianza e alle immagini «catturate». E i risultati non sono mancati. Si è arrivati infatti alla, sostanziale, identificazione di un minorenne che potrebbe essere il responsabile del gesto.

A quanto si è appreso non ci sarebbe ancora alcuna denuncia, ma le indagini della Locale sembrano essere a buon punto. Alla fine, tutto sembra potersi ricondurre a una bravata. Ma si è trattato di un gesto che avrebbe potuto avere conseguenze ben più pesanti. Questo, a prescindere dalle ripercussione sulla salute dei presenti. Non bisogna sottovalutare, in questi casi, l’effetto panico tra i presenti e le possibili, gravissime conseguenze, anche alla luce del fatto che si tratta di giovanissimi. Determinanti, come sempre in questi casi, le tempestive chiamate ai vigili del fuoco e alle forze dell’ordine.

Ad intervenire, stavolta, è stata la polizia Locale che nella zona di piazza Vittoria è sempre presente soprattutto quando la «movida» e l’afflusso dei giovani possono essere all’origine, com’è capitato in passato, di qualche problema. In questo caso non c’è stata alcuna conseguenza. Rimane il rammarico, se le indagini troveranno conferma, per un altro giovane coinvolto, quando non addirittura protagonista, di un gesto in cui la ricerca di protagonismo si scontra palesemente con la salute dei coetanei. •. M.P.