Un bresciano su quattro ha ricevuto l’anti-Covid

In fiera distribuiti braccialetti diversi a seconda del vaccino da fare
In fiera distribuiti braccialetti diversi a seconda del vaccino da fare

Un bresciano su 4 ha ricevuto l’anti-Covid. La campagna vaccinale sul territorio provinciale, campagna che ha preso via lo scorso 27 dicembre, comincia così a mostrare numeri interessanti. Secondo i dati forniti fino al 15 aprile per quello che riguarda il territorio di Ats Brescia le persone che hanno ricevuto la prima dose sono 177.697, mentre il numero di coloro che sono già coperti con entrambe le iniezioni è di 102.561. Per la Valcamonica invece sono 15.968 i bresciani che hanno ricevuto la prima dose e 9.475 la seconda: il totale quindi è di 193.665 persone che hanno ricevuto una dose, 112.036 entrambe per un numero complessivo di bresciani che hanno ricevuto l’anti-Covid di 305.701. Altri dettagli emergono dai numeri, ad esempio, relativi alla zona di Asst Garda che ha somministrato 49.358 vaccini (33.109 prime dosi e 16.249 seconde dosi) suddivisi in 36.220 Pfizer, 6.819 Astra Zeneca e 6.319 Moderna. Gli over80 vaccinati con la prima dose sono 18.101 e di questi 9.907 hanno ricevuto anche la seconda dose; dal 12 aprile invece sono state somministrate 3.311 dosi alla fascia di età 75-79 anni e 439 alla fascia 70-74 anni. Per quello che riguarda l’Asst Franciacorta invece sta premiando la scelta di puntare sulle vaccinazioni sia domicilio, che nei poli di Chiari e Iseo. La disponibilità di vaccini ha permesso la ripresa nei poli e a domicilio ha recuperato la media superiore alle 2000 al giorno. Pur con solo 13 postazioni, l’Asst fino a venerdì sera aveva inoculato 49.710 dosi nei poli di Chiari e Iseo: 23.550 Moderna, 17.580 Pfizer e 8.580 AstraZeneca, a cui se ne sono aggiunte 810 a domicilio portando il totale a quasi 50mila. Ieri intanto l’équipe guidata dal direttore sociosanitario dell’ASST Giuseppe Solazzi, ha raggiunto Montisola, completando con la seconda dose la vaccinazione degli over 80, che vaccinati con la prima dose il 27 marzo: «Abbiamo effettuato - ha detto Solazzi 270 inoculazioni con Moderna, con le 140 seconde dosi per over 80; abbiamo inoculato 130 prime dosi a disabili e fragili e over 75 per i quali torneremo il 15 maggio. Abbiamo iniziato presto, arrivando a Peschiera, dove ci aspettavano, dopo le 8, per poi raggiungere la base a Siviano e preparare le vaccinazioni per chi aveva l’appuntamento, e quelle a domicilio che abbiamo effettuato con i medici di famiglia che ci hanno accompagnato. La vaccinazione è stata un successo grazie al sindaco Fiorello Turla e all’assessore Mario Archetti, che hanno curato l’organizzazione, ai volontari e alla protezione civile». E da domani via alle prenotazioni per la fascia 65-69 con le consuete quattro modalità: all’indirizzo http://www.prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it; tramite call center gratuito al numero 800894545; la rete dei 1.083 Postamat presenti sul territorio regionale lombardo, da fruire con la tessera sanitaria; e la rete degli oltre 4.000 portalettere presenti in Lombardia. •.

Silvia Avigo

Suggerimenti