LO SCENARIO

«Vaccino Covid: possibile richiamo annuale per tutti»

L'immunologa Daniela Bosisio: «Sarà importante per non esaurire la memoria degli anticorpi e per riprendere la vita e la socialità di prima»
Terza dose.  Un'infermiera prepara con una fiala del vaccino Pfizer per il richiamo  che servirà a non «esaurire» la memoria immunitaria
Terza dose. Un'infermiera prepara con una fiala del vaccino Pfizer per il richiamo che servirà a non «esaurire» la memoria immunitaria
Terza dose.  Un'infermiera prepara con una fiala del vaccino Pfizer per il richiamo  che servirà a non «esaurire» la memoria immunitaria
Terza dose. Un'infermiera prepara con una fiala del vaccino Pfizer per il richiamo che servirà a non «esaurire» la memoria immunitaria

Via libera alla terza dose di vaccino anti-Covid agli over 60 e ai maggiorenni con elevata fragilità per patologie, ad almeno sei mesi dalla seconda dose. Mentre l’ultima circolare del ministero della Salute allarga la platea dei richiami, la Lombardia guarda già oltre, e si dice pronta a somministrare la terza dose di vaccino a tutti gli over 18: si è già ipotizzata una data, il 22 novembre, per la partenza delle immunizzazioni «di rinforzo» a tutta la popolazione. Il Governo, tuttavia, ha finora autorizzato la terza dose solo per specifici gruppi target, dopo che l’Ema ha aperto alla possibilità di una dose «booster», lasciando però agli Stati le decisioni operative: nel nostro Paese la terza dose è attualmente raccomandata a immunodepressi, anziani over 80 e operatori sanitari, cui si sono aggiunti con l’ultima circolare i soggetti dai 60 ai 79 anni e i fragilissimi over 18. (...)

Leggi l’articolo integrale sul giornale in edicola