Addio a una maestra di cultura

Elisa Salvini Donizetti era una maestra di valore e di valori
Elisa Salvini Donizetti era una maestra di valore e di valori

Con la scomparsa di Elisa Salvini Donizetti, Toscolano Maderno perde un altro pezzo della sua storia. Il prossimo 30 maggio «la maestra», perché tutti in paese la chiamavano così dopo quarantadue anni di insegnamento, avrebbe compiuto 106 anni. Come sempre accade in occasione della morte di persone speciali, ieri la notizia ha fatto rapidamente il giro del paese e delle frazioni collinari. Nata a Cremona da famiglia comitale, Elisa Donizetti ha inizialmente vissuto tra la Franciacorta e la Carnia, iniziando poi ad insegnare a Brescia nel 1935. Ha lavorato a Gorizia e a Provaglio d’Iseo (paese d’origine dei suoi avi) trasferendosi definitivamente con la famiglia a Toscolano, dove ha insegnato nella frazione di Cecina per due anni e dall’anno scolastico 1958-’59 nella scuola del capoluogo ricoprendo anche la carica di segretaria del patronato scolastico. Per diverso tempo Elisa Donizetti ha collaborato con il bollettino parrocchiale nella rubrica dedicata alla vita dei Santi. Le persone che l’hanno conosciuta ricordano la competenza, la cultura e il rigore nello svolgimento dell’attività professionale. «Sapeva trasmettere ai suoi alunni il senso della disciplina e dell’impegno personale, l’interesse per il sapere autentico e la ricerca dell’eccellenza». La maestra Donizetti inoltre non ha mai smesso di arricchire il proprio bagaglio di conoscenze: dopo la pensione, ha intrapreso lo studio dell’inglese con l’intenzione di viaggiare, visitando tutta l’Europa, l’Egitto e l’India. Attraverso la cura del proprio giardino, manifestava una particolare attenzione per la natura. Sposata con il maresciallo dei carabinieri Ottavio Donizetti, Elisa ha avuto due figlie, Laura e Maria Teresa che fino all’ultimo l’hanno accudita nella loro abitazione. •

L.SCA.