CHIUDI
CHIUDI

19.09.2019

Iseo prepara le sue nove giornate magiche

La tradizionale cerimonia dello sbarco della Regina di Cipro
La tradizionale cerimonia dello sbarco della Regina di Cipro

Caterina Cornaro, regina di Cipro, torna a incantare Iseo. Lo ha fatto per 13 anni e lo rifarà domenica, alle 15, quando sfilerà tra due ali di folla per le vie del centro. LA RIEVOCAZIONE storica del suo ingresso in Iseo, avvenuto nel 1497, è uno dei momenti più avvincenti che scandiscono le celebrazioni organizzate in onore del patrono San Vigilio. Stavolta la festa dura da sabato 21 a domenica 29 settembre. Nove giorni in cui si alterneranno processioni religiose e cortei storici, serate di preghiera e allegre tavolate, mostre e sfide remiere. Dal 2006 l’iniziativa rinnova la sua immagine ufficiale, che raffigura sempre San Vigilio, vescovo di Brescia riparato durante le invasioni dei Goti a Iseo e morto qui nel 525, e porta immancabilmente la firma di un artista iseano: quest’anno tocca a Tonino Mazza, che è stato preceduto da Mino Botti, Sara Landriscina, Paola Bonomelli, Danilo Di Prizio, Diego Pezzotti, Ella Belotti, Marco Sabbia, Alberto Ghitti, Irma Passeri, Antonella Pedretti, Micio Gatti, Elisa Pezzotti e Giorgio Guaini. Il comitato promotore, coordinato dall’architetto Girolamo Lazzaroni, è composto da Società operaia di mutuo soccorso, parrocchia di Sant’Andrea e Comune. Collaborano la scuola di danza Enjoydance, il fotoclub «Iseo immagine» e gli Sbandieratori e Musici di Lacchiarella. Coinvolte anche le tre frazioni. Cremignane accompagnerà in processione la statua lignea di San Vigilio, che risiede abitualmente nella sua chiesa, portandola sino in piazza Salmister e poi in piazza Garibaldi. Pilzone fornirà il grosso dei figuranti ai cortei promossi dalla Corporazione storica Iseo-Pilzone. Clusane inscenerà coi vogatori del gruppo «La Clusanina» una regata in acqua e farà da corona alla cerimonia dello sposalizio col lago. Il sodalizio «Iseo di fiore in fiore» abbellirà vie e piazze. Alle 15 di domenica, come detto, la sfilata rinascimentale, che partirà dal castello Oldofredi e vi tornerà. A impersonare Caterina Cornaro, Silvia Zugni. Al suo seguito, nobili e dignitari. Da segnalare, fra gli appuntamenti di contorno, l’esposizione «Dancer avec la mort» nella chiesetta di San Silvestro e, a casa Panella, a cura del gruppo «Iseo immagine», la mostra fotografica inerente le precedenti edizioni della festa di San Vigilio. Sabato 28, alle 21, luminarie sul lago con brani musicali. Domenica 29, alle 17, messa solenne e processione con le reliquie di San Vigilio. Nei 9 giorni, sei ristoranti reinterpreteranno in chiave moderna la ricetta della tradizione: l’anatra in umido con verza e polenta. Il pastificio «La Pieve» preparerà le tagliatelle «Le cortigiane della regina Cornaro» seguendo una ricetta rinascimentale della Corte d’Asolo. •

Giuseppe Zani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1