Nuoto e corsa Gli ironman fanno il giro del lago

Un’impresa da record, nel segno della solidarietà: partiranno questa mattina dal Madai, al lido di Lonato, gli ironmen Vincenzo Catalano e Paolo Chiarino, pronti a percorrere insieme l’intero periplo del lago di Garda un po’ a nuoto e un po’ di corsa. In tutto sono 160 km, per la prima volta in modalità Swim&Run: i due correranno e nuoteranno senza sosta fino a domenica mattina, con l’ipotesi di concludere il giro completo entro un massimo di 50 ore. «Ci fermeremo solo per delle soste tecniche - spiega Catalano - e quindi per mangiare, cambiarci e riposare qualche minuto. Il nostro obiettivo, in realtà, è provare a farcela entro sabato notte: ma tutto dipenderà dal meteo e dalle condizioni del lago». Entro stasera dovrebbero arrivare a Riva, per poi scendere di nuovo verso Lonato ma passando dalla sponda veronese: chiunque potrà aggregarsi a loro, ma solo nell’ultimo tratto di corsa, da Colombare in poi. Il piano prevede un massimo di 15/18 km a piedi e non più di 3 km consecutivi a nuoto: «Abbiamo fatto anche imprese più difficili in passato - dice ancora Catalano - e quindi siamo pronti, anche stavolta». Al loro rientro, previsto per domenica, al Madai si farà festa (dalle 10 in poi): l’evento è organizzato dall’associazione «Pazzi di Rugby», il ricavato dell’iniziativa, finanziata da vari sponsor, sarà devoluto all’Abe, l’Associazione bambino emopatico. •

A.GAT.

Suggerimenti