CHIUDI
CHIUDI

15.09.2019

Più poeta che guerriero e più «Mister» che «Vate»

L’allenatore Luciano  SpallettiIl ritratto scultoreo del Vate
L’allenatore Luciano SpallettiIl ritratto scultoreo del Vate

«Ma sembra Spalletti!». Quando in maggio le due statue del D’Annunzio «solitario studioso» erano state collocate sul lungolago di Gardone Riviera e davanti alla Prioria del Vittoria, era stato questo il commento più spiritosamente impertinente: in effetti c’è una certa somiglianza fra il Vate di bronzo forgiato dallo scultore Alessandro Verdi e l’ex allenatore di Inter e Roma. «UN’OPERA affettuosa e amabile», l’aveva invece definita Giordano Bruno Guerri, presidente della Fondazione del Vittoriale degli Italiani. Nulla di guerresco o di eroicamente marziale si ravvisa infatti in questo ritratto scultoreo: non il D’Annunzio comandante, ma il D’Annunzio poeta e letterato, immerso pensosamente nei libri. Non si capisce dunque la reazione veemente della Croazia all’inaugurazione di una terza copia di questa scultura, a Trieste. Pesa il centenario dell’impresa di Fiume, l’ultima del D’Annunzio guerriero, che andò con i suoi legionari a occupare la città dalmata. Un’invasione, secondo i croati, che è per loro inaccettabile veder celebrare con monumenti dai dirimpettai italiani. Ma oggi D’Annunzio se ne sta tranquillo fra i suoi libri. Che paura fa?

L.SCA.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1