CHIUDI
CHIUDI

11.12.2019

Travolto da auto
pirata in coma
bimbo di 2 anni

I primi rilievi dell’incidente: la madre racconta alle forze dell’ordine quegli attimi disperatiIl tratto di strada in cui è avvenuto l’investimentoLe strisce pedonali di via Grandi dove si era fermata la madre con il passeggino
I primi rilievi dell’incidente: la madre racconta alle forze dell’ordine quegli attimi disperatiIl tratto di strada in cui è avvenuto l’investimentoLe strisce pedonali di via Grandi dove si era fermata la madre con il passeggino

Travolge un bimbo di due anni e fugge: è caccia al pirata della strada a Coccaglio. Una vera corsa contro il tempo per le forze dell'ordine, per assicurare alla giustizia il fuggitivo. Un paese blindato nelle ultime ore, occhi e orecchie aperte, per dare giustizia, al piccolo che in questo momento si trova all'ospedale di Bergamo in coma, in lotta tra la vita e la morte. L'INCIDENTE è avvenuto, alle 8.30 di ieri mattina, quando una giovane madre, di origine indiana residente in paese, con il figlio di due anni sul passeggino si trovava ferma all’altezza delle strisce pedonali sulla provinciale in via Achille Grandi. È successo tutto in un attimo, secondo quanto riferito dalle forze dell'ordine, «l'auto, che viaggiava in direzione Rovato, deve aver colpito la ruota del passeggino, che è stato sbalzato in aria, scaraventando il corpicino a 5 metri di distanza dal luogo dell'impatto». Incolume fortunatamente la madre. Nel frattempo, l'utilitaria scura, queste le uniche informazioni rese ufficiali per ora sul mezzo, non si è fermata. I soccorsi sono stati chiamati da un automobilista arrivato sul posto subito dopo l'incidente: Polizia locale di Cologne, carabinieri di Rovato, automedica, ambulanza della croce azzurra di Travagliato e l'elisoccorso arrivato da Brescia. Il bambino è stato intubato e trasferito in elicottero al Papa Giovanni di Bergamo. Il piccolo è in coma per un grave trauma cranico. «I genitori sono sotto shock - racconta l'assessore alla sicurezza di Coccaglio, Wolmer Bono che sta seguendo l'indagine a stretto contatto con le forze dell’ordine - la madre a quanto pare è per ora l'unica testimone chiave». Dalla mattinata decine di registrazioni di videocamere di sorveglianza esterne, di negozi e abitazioni private soo state visionate. Numeri di targa, immagini da collegare, tra una strada e l'altra, il colpevole è tra quei filmati. «Il mio primo pensiero va al piccolo - ha aggiunto l’amministratore - al comando si sta lavorando assiduamente per assicurare alla giustizia l'autore di questo sciagurato investimento». Il pirata potrebbe davvero avere i minuti contati. Se il conducente non si dovesse presentare spontaneamente entro 24 ore dall'incidente scatterà l’arresto. Nel frattempo rimane da sperare in una miracolosa ripresa della piccola vittima. •

Simona Duci
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1