CHIUDI
CHIUDI

15.06.2019

A Cimbergo l’ex sindaco resta agli arresti domiciliari

Il Riesame ha respinto il ricorso presentato da Gianbettino Polonioli, l’ex sindaco di Cimbergo finito ai domiciliari con l’accusa di turbativa d’asta per avere pilotato insieme ad altri - ventisei gli indagati complessivi e cinque (tra questi l’ex sindaco) quelli per cui è stata disposta la misura cautelare - tre appalti per i lavori pubblici del Comune che reggeva. Sotto i riflettori della procura di Brescia, che ha scandagliato il periodo tra il 2017 e il 2018, sono finiti i lavori di risezionamento alveo del torrente Varecola, quello per la riqualificazione energetica del municipio dal valore di 229.358,81 euro e infine quello per la realizzazione di opere di difesa «da colate detritiche lungo il torrente Varecola/Figna» dal valore di 1,23 milioni di euro. Per l’accusa gli appalti sarebbero stati aggiudicati ancora prima dell’apertura del bando. Le aziende che partecipavano alla gara, già individuate in precedenza, si sfilavano una dopo l’altra fino a lasciare l’appalto in mano alla ditta prescelta. Diversi gli imprenditori coinvolti che hanno confermato quanto ricostruito dagli inquirenti. HA INVECE lasciato i domiciliari Franco Bara, 73enne imprenditore di Costa Volpino, finito al centro dell’altra inchiesta della procura di Brescia che ha recentemente toccato la Valcamonica. L’immobiliarista era finito nei guai insieme a Domenico Benedetti, ex consigliere comunale a Darfo e dirigente dell’Asl di Vallecamonica. Secondo gli inquirenti sarebbero stati in grado di «controllare» le aste immobiliari. Attraverso una serie di promesse di denaro avrebbero convinto alcuni dei partecipanti alle aste a ritirarsi dalla gara lasciando via libera a chi doveva aggiudicarsi l’immobile dopo avere versato una «commissione» in denaro. I due erano finiti ai domiciliari mentre indagati a piede libero c’erano altre quattro persone. A fare partire l’inchiesta la denuncia di un uomo che dopo essersi aggiudicato un immobile grazie a un obolo da 5mila euro versato se ne sarebbe visti chiedere altri 12mila. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1