CHIUDI
CHIUDI

30.11.2019

Le botteghe polivalenti si preparano a crescere in Valtrompia e Valsabbia

La prossima apertura a Bovegno
La prossima apertura a Bovegno

L’inarrestabile avanzata dei centri commerciali sta decimando da anni i tradizionali negozi di paese: un fenomeno assodato, che tra Valtrompia e Valsabbia si sta cercando di arginare moltiplicando l’attrattiva delle vecchie botteghe. Rendendole moderne e polivalenti attraverso la tecnologia e l’esperienza. Potenziando le piccole attività che aderiscono al progetto facendo in modo che non si limitino solo a vendere i propri prodotti. PARLIAMO delle adesioni a «Linfa», una piattaforma web e non solo nata dall’attività trentennale della cooperativa sociale Andropolis di Gardone. È una delle tante iniziative del progetto per i territori periferici inserito nel programma «AttivAree», e finanziato dalla Fondazione Cariplo e dalle due Comunità montane. Nell’era in cui il commercio on line spadroneggia, qui ci si adegua valorizzando i negozi di vicinato e non i colossi. Il primo negozio nuova versione è stato presentato nei giorni scorsi col market «Trevalli» di Zanini, a San Colombano di Collio, rinnovato anche con l’inaugurazione di un totem digitale e sede della presentazione della app gratuita «Linfa» disponibile su tutte le piattaforme. Usando il monitor del negozio come un cellulare o un tablet (ma anche appunto sfruttando la app e il sito linfainmovimento.com) si possono acquistare o prenotare servizi di assistenza domiciliare, la consegna a casa delle medicine, viaggi ed esperienze sul territorio, fare la spesa o pagare bollettini postali. Aspettando a casa i «postini» per la consegna. Il secondo totem, ne riferiamo a fianco, entrerà in funzione oggi nel negozio «Terre e sapori solidali» di Livemmo, mentre il 7 dicembre toccherà alla vernice di Bovegno, col negozio «Curtense Beerstrò». Queste nuove opportunità sono accessibili anche da parte di chi non ha grande dimestichezza con la tecnologia, ovvero gli anziani, che possono chiamare un call center. «Stiamo creando una rete di negozi di vicinato che può essere un punto di riferimento anche per i turisti», spiegano i promotori riferendosi a chi cerca siti da visitare o strutture ricettive nelle due valli. Una rete alla quale potranno aggregarsi anche le imprese proponendo servizi di welfare e grazie alla quale trovare persino sostegni psicologici e per i compiti degli studenti. Si è solo all’inizio, perché presto in Valtrompia entreranno in rete i market «Medaglia» di Marmentino, «Bregoli» di Mondaro di Pezzaze e Alta Valtrompia di Predondo, a Bovegno, oltre alla macelleria Crescini di Brozzo di Marcheno; mentre in Valsabbia toccherà ai negozi «Paolo» di Ponte Caffaro, «Jolly» di Crone di Idro e Alimentari Dagani di Anfo.

F.Z.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1